lavori testata

Sassomarconi

OM thumbpdfScarica la scheda

L’oggetto dell’appalto riguarda la realizzazione dei percorsi di accesso per la manutenzione di n°4 Torri Faro (TF) installate all’epoca della costruzione del nuovo casello di Sassomarconi sito lungo l’Autostrada A1, Milano-Napoli al km 210+000, da realizzarsi non solo per ragioni tecniche ma soprattutto per ragioni di sicurezza sul lavoro. Le Torri faro oggetto dell’ intervento sono ubicate rispettivamente :

  •  Le torri “TF1”-“TF2”  nel piazzale del PN (vedi planimetria allegata).
  • La torre “TF3” all’accesso del piazzale di esazione in un’area delimitata e separata dalla viabilità locale.
  • La torre  “TF4” nello spazio a tergo della cuspide delle rampe di accesso l’autostrada, a valle della stazione.

L’accesso per la manutenzione delle torri faro “TF1” e “TF2” avviene attualmente dalla viabilità di collegamento tra il piazzale di esazione lato uscite ed il parcheggio del PN.

In prossimità delle torri si rileva un varco nella barriera di protezione laterale. L’accesso per la manutenzione delle torri faro “TF3” avviene attualmente dal piazzale di stazione attraverso un cancello carrabile che delimita anche l’area circostante insieme a delle pareti in c.a. di sottoscarpa.

L’accesso per la manutenzione della torre faro “TF4” avviene dalla rampa d’accesso all’autostrada tramite un varco nella barriera di protezione laterale, tuttavia vista l’esposizione del sito, si opera sempre con assistenza alla viabilità e con installazione di adeguata segnaletica. Tutte le torri faro presenti nello svincolo di Sassomarconi sono “a corona mobile” costituite essenzialmente da:

  • Stelo monotubolare di forma tronco conica a sezione poligonale in acciaio zincato a caldo, predisposto per l’ancoraggio al basamento in C.A.
  • Sistema di movimentazione,costituito da una corona mobile dove sono ancorati i proiettori. Questo accessorio, sostenuto da 3 funi rinviate sulla testa di trascinamento in cima allo stelo, scorre lungo il fusto, consentendo di portare i proiettori fino ad altezza utile per la manutenzione da terra.

Il movimento trasmesso alle 3 funi, viene eseguito mediante un paranco elettrico montato su un carrello (peso complessivo di circa 150Kg) da fissare alla base della torre quando necessario.

La funzionalità di quest’ultimo accessorio è parzialmente impedita dalla notevole difformità che l’altezza tra il piano d’appoggio dello stesso carrello ed il meccanismo interno alla torre faro possiede nelle condizioni attuali.

L’intervento si pone come obbiettivo quello di consentire in maniera più agevole e sicura la manutenzione delle TF da parte del personale addetto, mediante l’adeguamento della quota d’appoggio del carrello mobile posizionato alla base della torre faro e la realizzazione di percorsi pedonali pavimentati. La situazione richiesta per il corretto funzionamento dei meccanismi prevede pertanto l’adeguamento della quota dell’estradosso del basamento ai piedi della torre faro.