lavori testata

A26

A26 thumbpdfScarica la scheda

Il presente lavoro è a corredo del progetto esecutivo delle barriere acustiche previste lungo l’Autostrada A26 dal km 33+050 al km 37+500, ricadente nel Macrointervento 26, che coinvolge i Comuni di Rocca Grimalda, Silvano D’Orba e Ovada, in provincia di Alessandria.

Il progetto è stato redatto in base ai risultati dello studio acustico di dettaglio redatto in attuazione del Piano di Contenimento ed Abbattimento del Rumore predisposto da ASPI nel giugno 2007.

Obiettivo del progetto è il contenimento dei livelli sonori di esposizione della popolazione all’interno dei limiti previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica 30 Marzo 2004 recante Disposizioni per il contenimento e la prevenzione dell'inquinamento acustico derivante dal traffico veicolare, a norma dell'articolo 11 della legge 26 ottobre 1995, n. 447 (GU n. 127 del 1 giugno 2004).

Nell’area di studio la sede autostradale è articolata in tre corsie di marcia più una corsia di emergenza per senso di marcia e presenta le carreggiate separate con barriera di sicurezza in acciaio bifilare.

Il lavoro, eseguito dalle ore 9.00 alle ore 18.00, dal lunedì al venerdì.

L’intervento prevede la chiusura permanente della corsia d’emergenza con NJ continuo in orario diurno e la chiusura temporanea della corsia di marcia lenta sempre in orario diurno per la movimentazione delle macchine operanti a servizio delle diverse lavorazioni.

La delimitazione del cantiere avviene con NJ e delineatori flessibili.

Comunque è prevista la chiusura della corsia di emergenza per tutta la durata del cantiere.

Viene richiesta l’apertura della corsia di emergenza, e quindi lo sgombro di tutti i macchinari e materiali, solo in casi eccezionali per l’utilizzo della corsia di emergenza aperta al traffico in situazioni di emergenza, su richiesta della direzione di tronco.

L'installazione del cantiere , sostanzialmente uguale per tutti gli interventi, ha tenuto conto tuttavia dei casi particolari.

Le attività che interessano opere d’arte ad esempio, spesso interferenti con la viabilità locale, sono caratterizzate dalla realizzazione di una struttura temporanea tipo “mantovana” ancorata alla sovrastruttura in c.a., accessibile agli operatori al fine di garantirne la completa sicurezza anche durante le fasi di demolizione, evitando la caduta in basso di oggetti e parti in distacco.