lavori testata

A14

A14 thumbpdfScarica la scheda

Il progetto prevede la sostituzione e il potenziamento delle barriere di sicurezza per bordo laterale e bordo ponte dal km 455+090 al km 477+223 (1°lotto) e dal al km 477+223 al km 505+212 (2°lotto) carr. Sud; dal km 505+220 al km 477+219 (1°lotto) e dal km 477+219 al km 455+097 (2°lotto) carr. Nord -per una lunghezza complessiva di nastro pari a 50 km- della autostrada A14, su rilevati stradali e su opere d’arte e, nel caso di queste ultime, con interferenze con sottovia stradali di varia importanza o corsi d’acqua di varia dimensione e portata (canali, fossi, etc.).

La Società Autostrade per l’Italia, a seguito dei contenuti del D.M. LL.PP. del 03/06/98 e del D.M. LL.PP. 21/06/04 “Aggiornamento delle istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e l’impiego delle barriere stradali di sicurezza e le prescrizioni tecniche per le prove delle barriere di sicurezza stradale”, ha ritenuto quindi opportuna la sostituzione degli attuali impianti con nuove barriere idonee ad assorbire parte dell’energia di cui è dotato il veicolo in movimento, limitando gli effetti d’urto sui passeggeri e sui terzi eventualmente presenti. Il precedente impianto di barriere di sicurezza bordo laterale e bordo opera d’arte (con esclusione dei tratti su cui non si interviene poiché già conformi) è essenzialmente costituito da:

  • Barriere metalliche a due onde con paletti infissi su terra, pavimentazione e opere sottili in calcestruzzo, posti ad interasse variabile, nei tratti su rilevato;
  • Barriere metalliche a due onde con corrimano superiore e con montanti M100 posti ad interasse pari a circa 3.00 m ed annegati sui cordoli di coronamento in c.a., in corrispondenza delle opere d’arte;
  • Barriere metalliche a tripla onda generalmente definiti 3N afferenti ad una omologazione ormai obsoleta;
  • Tratti intermedi di barriere, di raccordo tra le diverse tipologie.

I lavori consistono essenzialmente nella rimozione, ove necessario, delle barriere esistenti e nella fornitura e posa in opera di barriere metalliche a tripla onda per bordo laterale su terra e bordo ponte in corrispondenza delle opere d’arte.

Le barriere utilizzate sono state individuate secondo le prescrizioni di legge in base al tipo di infrastruttura e in base al tipo di traffico. Pertanto, nel progetto in questione sono state adottate barriere bordo laterale di tipo H2 e H3 su terra e bordo ponte di tipo H2 e H4 su opere d’arte, scelte in funzione dei livelli di contenimento attesi caso per caso. Il progetto si è occupato anche di riqualificare quei tratti di autostrada interessati da fossi di guardia al margine della carreggiata. In questi casi si è preferito realizzare un dimensionamento idraulico delle tubazioni da interrare in luogo dei fossi a cielo aperto.